CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Alcuni consigli per non trasformare le nostre vacanze pelose con i nostri amici a quattro zampe in vacanze penose.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I nostri amici pelosi sono parte integrante della vita quotidiana della maggior parte delle famiglie italiane; con loro amiamo condividere il tempo libero e tutti i momenti più belli della nostra vita. La maggior parte delle persone non vorrebbe mai separarsi da loro, nemmeno durante le vacanze, ma spesso portarli con noi è complicato se non impossibile. Molte strutture turistiche purtroppo non sono attrezzate per accogliere i nostri amici a quattro zampe e per garantire a tutti la serenità e la tranquillità per una vacanza con i baffi. Fortunatamente, grazie alla domanda sempre maggiore, stanno nascendo delle strutture pet fiendly per offrire un soggiorno sereno e rilassante a noi e ai nostri fedeli compagni. Per godere al meglio l’esperienza è bene informarci su come trasportare il nostro animale domestico in base alla vacanza e al tipo di spostamento scelti. Le difficoltà maggiori le incontriamo proprio nel viaggio, sia per quanto riguarda la durata del tragitto, sia per il mezzo usato per lo spostamento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Bisogna prendere in considerazione anche lo stress che il viaggio potrebbe sviluppare nei nostri amici a quattro zampe. Bastano poche semplici regole di buon senso che ci regaleranno una vacanza senza problemi. Se viaggiamo in macchina e non abbiamo l’aria condizionata dobbiamo ricordarci di applicare ai vetri dell’auto tendine parasole per evitarne la luce diretta. Inoltre sarebbe consigliato evitare di viaggiare durante le ore più calde della giornata e soprattutto non lasciare mai gli animali in auto da soli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Durante il viaggio  dobbiamo bagnare occasionalmente il muso e la fronte del nostro animale per rinfrescarlo. Il gatto va messo sempre in trasportino. Per tutta la durata del viaggio l’auto deve essere ben areata per evitare colpi di calore, ma senza esagerare per il rischio, opposto, di colpi d’aria. Per i cani è preferibile lasciarli a digiuno per le 6 ore precedenti il viaggio, ma se il tragitto è molto lungo possiamo dare piccoli pasti con cibo secco. Altro accorgimento di fondamentale importanza è tenere sempre a portata di mano una bottiglia con dell’acqua fresca da somministrargli ogni ora nel caso facesse molto caldo. Anche la preparazione della valigia per il nostro compagno di viaggio deve essere accurata. Non possono mancare ciotole leggere e infrangibili per cibo e acqua, un’adeguata scorta di cibo, le indispensabili paletta e bustina, collare, guinzaglio e museruola, i suoi giochi preferiti, il necessario per l’igiene come spazzola, salviettine e asciugamani.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se il nostro compagno di viaggio è un gatto, non dimentichiamo lettiera e sabbietta e per tutti il libretto sanitario. Se la nostra meta è la montagna potremo fare delle bellissime escursioni ma informiamoci sempre se è necessario tenerli al guinzaglio. Anche per gli impianti di risalita ci sono delle regole da rispettare come ad esempio l’obbligo di guinzaglio e museruola. In caso di brusche risalite con un significativo sbalzo di altitudine, è consigliabile far bere l’animale appena arrivati a destinazione. Per quanto riguarda l’alimentazione bisogna farli mangiare almeno due o tre ore prima di mettersi in marcia, poiché la loro digestione è piuttosto lenta, ma ricordiamoci di portare con noi degli snack per ricompensarli della fatica e per ristorarli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ovviamente anche l’idratazione è importantissima, anzi fondamentale, quindi portiamo una ciotola per lui. Infine, ovunque andiamo, informiamoci con anticipo sui centri veterinari della zona per essere pronti in ogni evenienza. Per i viaggiatori più tecnologici  sono state create delle app apposite per i viaggi con i nostri amici  come  http://mysocialpet.it/ creato dal Touring Club per aiutarci e indirizzarci al meglio. Buone vacanze pelose a tutti.

CONDIVIDI
Articolo precedentePasta fredda con verdure: un tocco di originalità classica
Articolo successivoInsalata di patate e pomodorini con pesto aromatico
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO