CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Intento di Big Mountain è anche di fornirvi utili consigli per viaggiare in montagna.

Negli ultimi anni le norme di circolazione sono più rigide e convienimg_4335venturie adeguarsi sia per la sicurezza nostra e altrui sia per evitare sanzioni salate. Il nostro amico ex discesista Paolo Venturi che da anni corre in macchina e frequenta spesso strade di montagna ci fornisce dei validissimi consigli. Leggiamoli insieme

Detto che la neve quasi sicuramente ci coglierà impreparati, a meno che non abitiamo in montagna, possiamo però provare a mettere in atto alcuni accorgimenti che ci eviteranno i problemi più fastidiosi.

Le gomme da neve.

Sono il migliore investimento che possiate fare per salvaguardare la vostra macchina e la vostra vita. Le gomme da neve di ultima generazione, dette “lamellari”, sono particolarmente efficaci e garantiscono un grip che vi permetterà di togliervi d’impaccio nel 90% dei casi.

Le gomme da neve però sono un’ottima scelta anche in assenza di ngomme-da-neveeve perché sono prodotte con una gomma dalla mescola particolarmente morbida che le rende molto più efficaci sia in tenuta di strada che in frenata, soprattutto quando l’asfalto è particolarmente freddo e scivoloso.

Il costo di una buona gomma Invernale non è particolarmente elevato; il set di quattro gomme per una utilitaria si aggira intorno a 300 euro ma probabilmente lo utilizzerete per almeno due o tre anni e nel frattempo non consumerete le gomme estive…

Le catene.

Se proprio non volete acquistare le gomme Invernali, l’unica alternativa esistente sono le catene. Detto che le gomme Estive in presenza di asfalto freddo sono comunque meno sicure di quelle Invernali, le catene vi possono trarre d’impaccio se vi trovate all’improvviso in una nevicata. Come sicuramente avrete sentito dire, in certi tratti autostradali ed anche su molte strade normali, è obbligatorio avere le catene a bordo e la Polizia spesso verifica la loro presenza e che siano il modello adatto alla vostra macchina (quindi se avete una Mercedes non utilizzate le catene che vi ha regalato la zia Pina che aveva la
Punto….)catene-neve

Alcuni accorgimenti per il loro utilizzo:

  • Se la strada inizia ad essere innevata fermatevi non appena trovate uno spazio sicuro e montate le catene.
  • Le catene vanno montate sulle ruote motrici!!! Quindi davanti sulle macchine a trazione anteriore e dietro nel caso la trazione sia posteriore (non posso neppure immaginare che non sappiate se la vostra macchina ha la trazione anteriore o posteriore…)
  • Benché le catene di ultima generazione siano molto facili da montare, sarà un’operazione sporca, umida e fastidiosa per voi e per i vostri vestiti… ed inoltre, se non volete danneggiare la vostra macchina, le dovrete togliere appena non ci sarà più neve!
  • Con le catene montate dovete comunque guidare con prudenza ed a bassa velocità; le catene non sono fatte per velocità superiori a 70/80 Km/ora. Potrete però affrontare in tutta sicurezza, frenate, salite e soprattutto discese.
  • Molte macchine sportive non possono montare le catene, semplicemente perché non c’è spazio sufficiente nei passaruota. Il vostro gommista di fiducia vi dirà se il loro montaggio è possibile oppure no.

Se non abbiamo le gomme da neve e neppure le catene, tendenzialmente non dobbiamo circolare perché, in caso di incidente, la nostra assicurazione potrebbe non rispondere dei danni arrecati ad un’altra vettura. Quindi, se possibile evitiamo di metterci in viaggio.

Nel caso però ci trovassimo costretti a circolare egualmente, magari per rientrare dall’ufficio, sarà opportuno adottare una guida particolarmente prudente e mettere in atto alcuni “trucchi”.

  • La partenza. Provate a partire in seconda e senza dare troppo gas; in questo modo le gomme hanno maggiore grip con l’asfalto e la macchina si muoverà
  • Limitate al massimo la velocità. Tanto anche il traffico circostante si muoverà al rallentatore.
  • Guardate oltre la macchina che vi precede per capire se dovrete affrontare salite, discese oppure fermarvi ad un semaforo e cercate di essere pronti ad affrontare queste tre situazioni.
  • Se dovete affrontare una salita (ma che non sia particolarmente ripida), dovete fare in modo di avere un certo abbrivio, guadagnando un poco di velocità prima di affrontarla. Utilizzate una marcia non troppo bassa ed evitate di scalare marcia se proprio non necessario.
  • Detto che, se la strada non è stata trattata con sale o sabbia, dovete assolutamente evitare le discese troppo ripide, cercate di affrontarle alla velocità più bassa possibile ed utilizzando una marcia bassa, tendenzialmente la seconda.
  • Cercate di mantenere una distanza di sicurezza molto maggiore di quella che tenete solitamente anche se procedete a bassa velocità. La frenata non deve essere brusca e può essere modulata con qualche lieve colpo di freno per aumentare l’efficacia dell’ABS.

Se avete avuto la pazienza di leggere i miei consigli prima dell’arrivo della neve, vi auguro un sicuro Inverno!!

CONDIVIDI
Articolo precedenteINVOLTINI DI POLLO CON PERE, GORGONZOLA E NOCI: UN DELIZIOSO SFIZIO
Articolo successivoNEL CUORE DEL TRENTINO PER SALUTARE IL NATALE
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO