CONDIVIDI
image_pdfimage_print

La magia della natività da 66 anni non poteva trovare collocazione migliore a Rivisondoli.

Questo slideshow richiede JavaScript.

In provincia dell’Aquila, prima dell’altopiano delle 5 miglia venendo da Napoli, troviamo arroccato sulla montagna il bellissimo borgo di Rivisondoli. Si trova al centro tra Roccaraso e Pescocostanzo, e sembra fatto apposta per ospitare un presepe. Infatti nel 1951 chi ebbe l’intuizione ci aveva visto lungo. Erano anni bui, si viveva di pastorizia e il turismo per motivi economici e logistici stentava a decollare.

Necessitavano iniziative come queste per farlo decollare. La famiglia reale dei Savoia nel 1913 aveva portato Rivisondoli alla ribalta, trascorrendo vacanze nell’ottocentesco elegante Albergo degli Appennini, ma non fu sufficiente perché ci fu la guerra, e tirare avanti era dura. Ma chi conosce gli abruzzesi, sa che la volontà e la determinazione sono il loro valore aggiunto. Credo che solo nel 1980, per difficoltà organizzative, il presepe non fu fatto, e Berardino, che oggi ha 80 anni, come figurante non si è perso una edizione del presepe. Tutti in questa piccola comunità, che oggi conta circa 400 abitanti, hanno avuto un ruolo.

Anche Leo Gasperl  noto campione di chilometro lanciato e cittadino di Rivisondoli per tanti anni, ha fatto San Giuseppe nel 1987. L’attuale sindaco dott. Ciampaglia ha interpretato il bambinello nel 1966. E in una delle ultime edizioni San Giuseppe è stato l’ex sindaco della vicina Pescocostanzo, mentre nel 1972 i 3 re magi furono interpretati dai sindaci di Roccaraso, Rivisondoli e Pescocostanzo. Grazie al successo e al riscontro di pubblico avuto negli anni, la Rai ormai è di casa, come le continue aperture a gemellaggi con popolazioni lontane. La natività di Gesù richiama l’uomo alla sua uguaglianza, invitandolo ad abbattere le barriere razziali e sociali.

Infatti nel 2001 la madonnina fu interpretata da una ventenne palestinese, e la scorsa edizione circa 40 figuranti di fede musulmana hanno preso parte all’evento. L’edizione 2016 oltre ad avere una colonna sonora completamente rivisitata, è stata accompagnata dal commento dell’attore e doppiatore Luca Ward. Nonostante il clima poco clemente, circa 5000 persone dal primo pomeriggio hanno affollato la piana di Piè Lucente per assistere all’arrivo dei Re Magi. I presupposti di successo ci sono tutti per la prossima edizione del 5 gennaio, tanto che nei giorni scorsi la trasmissione Mattina in Famiglia ha dato nella piazza del paese un’anticipazione scenica della natività.

Sarà la sedicenne di Lanciano Roberta Sideri ad interpretare la madonnina, mentre il bambino, a causa del locale calo delle nascite, sarà impersonato da un piccolo di Roccaraso di appena 15 gg. San Giuseppe invece sarà Manuel Celio nipote del suddetto ottantenne Berardino, in nome della continuità di intenti e della passione che tutta Rivisondoli dedica a questa fantastica raffigurazione. Io consiglio vivamente tutti di vederla almeno una volta. Credetemi ne vale la pena e lo scenario dona emozioni uniche.

CONDIVIDI
Articolo precedentePESCOCOSTANZO UN’OASI DI PACE E DI CULTURA
Articolo successivoCESTINI DI PROSCIUTTO CROCCANTI RIPIENI DI STRACCHINO E PERE
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO