CONDIVIDI
image_pdfimage_print

La torta salata fichi, caprino e nocciole è una deliziosa ricetta che ci permette di vivere un dolce e saporito fine settembre.

La ricetta semplice e adatta a tutti i palati ed a tutte le situazioni, è ben bilanciata. I fichi, dolci per antonomasia, hanno proprietà benefiche (anche antinfiammatorie), sono ricchi di vitamine ed hanno un ridotto contenuto calorico. Inoltre, curiosamente, il fico veniva considerato un frutto sacro dagli antichi romani, legato alle origini di Roma: sembra infatti che la cesta in cui furono posti Romolo e Remo, abbandonata alle correnti del Tevere, si arenò sotto un albero di fico, dove venne trovata dalla lupa che li salvò e li nutrì. Perciò il frutto divenne sacro e curato dai sacerdoti devoti al dio Marte, padre dei gemellini. Le nocciole, d’altro canto, sono come tutta la frutta secca fonte di energia, e seppur ad alto contenuto calorico, apportano vitamine e altri nutrienti, e sono particolarmente indicate per combattere il colesterolo alto. Il tutto unito al gustoso formaggio di capra, che dona sapidità alla ricetta, è un’esplosione di sapori irresistibili.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Difficoltà : Facile Tempo di preparazione : 15′  Tempo di cottura : 25′


Ingredienti per 8 persone

  • Fichi 5
  • Uova 3
  • Nocciole 50 g
  • Formaggio cremoso di capra 250 g
  • Pasta brisée
  • Finocchietto qualche ciuffetto
  • Sale q. b.
  • Pepe q. b.

Preparazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preriscaldare il forno a 180 gradi in modalità ventilata. Tostare le nocciole in padella, senza aggiunta di grassi per qualche minuto, fino a doratura. Vanno mescolate spesso per evitare che si brucino. Lasciare raffreddare leggermente e pestarle grossolanamente. Sbucciare i fichi e tagliarli in spicchi di circa 2 cm. In una terrina mescolare il formaggio di capra con sale e pepe e successivamente amalgamare le uova fino a raggiungere un composto senza grumi e non troppo denso. Utilizzare una teglia da forno tonda del diametro di 20 cm circa, e stenderci la pasta brisée. Rovesciare il formaggio sulla pasta e adagiare sopra le fette di fico. Spolverare sopra le nocciole pestate e ripiegare i lembi della pasta. Cuocere in forno per circa 25 minuti. Servire tiepida, soprattutto perché non può essere levata dallo stampo troppo calda, altrimenti si romperebbe, e guarnire con qualche ciuffetto di finocchietto.


Consigli

Fic vino

Cosa sarebbe la nostra torta salata senza i consigli della dolce Lina Esposito di Vino e Cioccolato? Ben poco. Invece ascoltandola potremo accompagnarla ad un Verdicchio dei Castelli di Jesi della azienda Villa Bucci. È un verdicchio straordinariamente fragrante, equilibrato e allo stesso tempo caratterizzato da una profondità gustativa che solo i migliori bianchi possono vantare. Vinifica e matura in vasche di solo acciaio per lasciare inalterate le naturali caratteristiche di freschezza. Giallo paglierino intenso, all’olfatto esprime un profumo delicato e piacevolmente fruttato con un sentore di mela golden, di fiori di acacia e di mandorla. Al palato è secco, fresco, equilibrato, di buon corpo, fine e persistente. Nel complesso risulta un ottimo bianco ideale come aperitivo e per una cena tra amici. La sua temperatura di servizio è di 8°-10° C.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCarpaccio di scamorza e salmone affumicato
Articolo successivoL’importanza della calzatura adeguata per un trekking senza problemi.
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO