CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Puntuali quelli Terre di Mezzo propongono “Di Notte, Di Note e Di Stelle” per un Irpinia da sogno.

Come anticipai tempo fa, i nostri amici di Terre di Mezzo, soliti ad offrirci sempre un prodotto originale e di qualità, hanno organizzato per il 14 e il 15 agosto prossimi un evento unico nel suo genere. Una normale escursione diurna ci dà modo di ammirare le bellezze del territorio, la purezza dell’aria che respiriamo e magari la freschezza dell’acqua, dei ruscelli oltre ai panorami dolci e a volte mozzafiato, ma a causa della luce del sole, non siamo in grado di guardare in alto. Niente paura perché l’iniziativa di Terre di Mezzo tende proprio a non farci perdere nulla del fascino del trekking. Infatti, grazie a loro, potremo ammirare quello spettacolo stupendo che offre il cielo di notte: ovvero le stelle.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qualsiasi cosa fatta sotto le stelle offre una cornice unica e magica, e qualsiasi cosa può addirittura cambiare esito grazie alla preziosa presenza della volta celeste. Non contenti di ciò l’organizzazione prevede addirittura il pernottamento in tenda sotto le stelle, senza però rinunciare ad alcun confort. Il 14 agosto p. v. l’incontro dei partecipanti avverà presso il rifugio Verteglia a Montella in provincia di Avellino, nelle cui adiacenze verrà sistemato anche il campo per le tende. Saranno quindi disponibili tisane fredde e un relax confortevole. Poi avrà inizio la prima delle due escursione che è in notturna ma senza affaticarsi e nelle aree vicine al rifugio. Al rientro i partecipanti verranno accolti da una cena montanara a base di prodotti tipici irpini che sarà consumata attorno a un grosso falò e allietata dalle magiche note celtiche del gruppo Emian Pagan Folk ottimi interpreti di questa musica popolare madre di tutte le ballate. Grazie a queste atmosfere si creerà un magico connubio tra il falò le stelle e le note celtiche donando allo spirito e al corpo una carica di serenità inusuale che ci farà dire “Ed uscimmo a veder le stelle”. Per non perdersi nulla della magia del cielo stellato, la notte si potrà trascorrere in tenda così da creare una magica simbiosi tra noi e le stelle. Ma attenzione perché la vicinanza del rifugio Verteglia garantirà a tutti i necessari servizi. Il giorno di Ferragosto invece, per non scomodare il buon Dante Alighieri e grazie a Terre di Mezzo, potremo dire “Ed uscimmo ad ammirar l’Irpinia”. Si proprio cosi, perché dopo una sostanziosa colazione contadina, andremo ad affrontare un’escursione facilissima che ci porterò sul monte Sassosano noto per essere un buon terrazzo sull’Irpinia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Avremo incontrato un dislivello di appena 241 m. e avremo percorso appena 6 km così da essere premiati all’arrivo con una merenda montanara. Il rientro sarà previsto intorno alle 15. Come sempre è consigliato un abbigliamento adeguato e a cipolla, perché l’escursione termica tra notte e giorno sarà marcata. Le scarpe da trekking di buona qualità sono obbligatorie, mentre zaino, giacca antipioggia, lampada frontale, acqua abbondante, occhiali da sole, crema protettiva e l’immancabile macchina fotografica per immortalare i tantissimi momenti di questa esperienza unica nel suo genere per molti partecipanti, sono cose facoltative ma che garantiranno la comodità. Io penso che quest’evento così particolare sia non poco accattivante per la sua originalità, e come tale da non perdere, ma vi ricordo che Terre di Mezzo non smetterà mai di stupirci, quindi stiamo in allerta per i prossimi eventi. Tutti i particolari di orari e quote di iscrizione sono ovviamente consultabili sulla pagina Facebok di Terre di mezzo raggiungibile dai tratti in blu di questo articolo. Buon cammino.

CONDIVIDI
Articolo precedentePaccheri con pomodori confit e frisella
Articolo successivoCous cous ortotolano
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO