CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Il Soufflé di Parmigiano è un classico antipasto bello alla vista e buono al gusto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel nostro percorso in Emilia Romagna non può mancare una ricetta in cui il Parmigiano Reggiano non sia il protagonista assoluto. Viene prodotto da oltre 9 secoli, ne abbiamo una prova anche nel Decamerone di Boccaccio, che lo cita come prodotto molto diffuso ed utilizzato già a metà del 1300. Questo formaggio DOP a pasta dura di latte vaccino crudo, prodotto da 300 casari, ha una lunga stagionatura (almeno 24 mesi, fino ad arrivare anche a 108) e una cura nella preparazione che lo rendono unico ed inimitabile. Indubbie sono le qualità nutritive che possiede: infatti è molto ricco di proteine, vitamine e minerali, tanto da renderlo ottimo anche nelle diete. Quale italiano che si rispetti non usa il Parmigiano per esaltare il gusto di molte ricette?! Sapore deciso, ma tendente al dolce, e alta digeribilità sono alla base del prodotto, per cui si rende versatile e adatto a preparazioni di ogni tipo, da quelle più delicate, come la ricetta di oggi, a quelle più rustiche. Il soufflé è un antipasto elegante e raffinato, di facile preparazione… mi raccomando però, attenti alla cottura, altrimenti si sgonfia!!!

Difficoltà :Media Tempo di preparazione :15′   Tempo di cottura :55′


Ingredienti per 4 persone

Questo slideshow richiede JavaScript.

  • Parmigiano Reggiano grattugiato 150 g
  • Uova intere 4 + albume 1
  • Latte intero 2 dl
  • Farina 30 g
  • Burro 35 g
  • Noce moscata q. b.
  • Sale q. b.
  • Pepe q. b.

Preparazione

Preriscaldare il forno a 180 gradi e procedere con l’impasto del soufflé: fondere 25 g di burro a fuoco leggero in un tegame e unire la farina piano mescolando costantemente per 2-3 minuti per evitare che si formino grumi e che si bruci. Unire il latte poco alla volta sempre mescolando, salare e pepare. Continuare a cuocere fin quando la crema non si rapprenda e diventi soda e omogenea. Rompere le uova dividendo i tuorli dagli albumi, quindi avremo 5 albumi in una ciotola e 4 tuorli in un’altra. Montare i bianchi con un pizzico di sale a neve non troppo ferma. Unire i tuorli alla crema di farina, latte e burro a fuoco spento. Mischiare energicamente affinché si amalgamino bene. Successivamente unire il Parmigiano e una grattugiata di noce moscata. Infine incorporare gli albumi montati poco per volta e delicatamente per non smontarli. Imburrare uno stampo da 1,5 l e infornare per 35-40 minuti. Il soufflé sarà cotto quando risulterà gonfio e dorato. Si possono fare anche soufflé in stampi più piccoli, l’importante è stare attenti alla cottura che chiaramente si riduce nei tempi. Servire ben caldo appena sfornato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 


Consigli

sou vino

Per il nostro soufflé la sempre attenta Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli suggerisce un Sangiovese Superiore di Fattorie Paradiso di Bertinoro. Prodotto con Sangiovese a bacca piccola, presenta un colore rosso rubino intenso con profumi di frutti rossi come ribes, ciliegia e piccole fragoline selvatiche. Al palato è ricco, pieno, elegante e dolce, con una struttura tannica setosa e una leggera sfumatura di moka. Temperatura di servizio 16°- 18° C.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCiliegie di Vignola e Nettarine di Romagna, irresistibili tentazioni italiane
Articolo successivoFregola con arselle e pomodori secchi
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO