CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Abruzzo, forte e gentile, le poche parole di Primo Levi, che rendono perfettamente l’essenza di questa straordinaria regione.

Questa impegnativa specialità prevede una corsa su territori off road di 20,5 km, tra i comuni di Roccaraso appunto, Rivisondoli e Barrea, e attraverserà vecchie piste e sentieri, con un dislivello positivo di mt.1100. La passata edizione ha visto al via circa 200 partecipanti, perciò quest’anno gli organizzatori hanno fatto le cose in grande.

Infatti, l’Accademia degli sport di montagna Mountan Lab, con il patrocinio del Comune di Roccaraso, ha pensato di inserire all’interno di questa fantastica giornata di sport un mini trail di 7 km per adulti e ragazzi sopra i 14 anni, più un escursione guidata di nordik walking. Inoltre all’interno della competizione principale saranno assegnati due trofei. Uno con arrivo in volata a Roccalta a quota 1711 m.s.l.m. intitolato a Marco Di Battista, mentre a fine gara verrà assegnato il trofeo Mountan Lab, che terrà conto anche della classifica del vertical disputato quest’inverno in notturna sulle nevi di Montepratello.

Saranno premiati i primi tre atleti di ogni categoria sia maschile che femminile, e i primi tre assoluti maschili e femminili. Le iscrizioni si chiuderanno poco prima della gara, che avrà raduno alle 8 di domenica mattina 16 p.v. in piazza Giovanni Leone in Roccaraso, mentre la partenza è prevista per le 10.

E’ questa un’altra delle numerose manifestazioni che portano Roccaraso e il suo circondario in primo piano nazionale, con uno scenario di tutto rispetto per lo svolgimento di competizioni per discipline anche meno conosciute. Insomma anche questa è un’occasione per un piacevole week end tra i monti abruzzesi senza aspettare l’arrivo della neve.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLA PRIMA NEVE IMBIANCA LE NOSTRE MONTAGNE
Articolo successivoIL PECORINO DI FARINDOLA, L’ANIMA FORTE DELL’ABRUZZO
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO