CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Il prossimo week end Roccacasale, in provincia dell’Aquila, si trasforma per accogliere l’annuale manifestazione del Borgo delle Fate.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutta la storia e le tradizioni dei nostri borghi sono permeati da leggende e racconti fantastici popolati di fate, draghi, folletti, gnomi e esseri fantastici. Uno dei luoghi d’elezione per questi racconti tra realtà e fantasia è Roccacasale, un caratteristico borgo posto alle pendici del Monte della Rocca, nella valle peligna e che fa parte del Monte Morrone ultimamente martoriato dagli incendi. Si racconta che all’interno del Colle delle Fate vi sia celato un castello incantato ove risiedono magiche creature che per uscire si servono di un pozzo situato all’interno del cortile del castello di Roccacasale. Il Colle delle Fate è un promontorio poco distante dal centro abitato, sulla cui sommità sorgono le rovine di un antico tempio pagano di epoca romana dedicata al dio Baal.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questa tradizione nelle arti magiche si è protratta anche in tempi più recenti, e nella zona si ritiene che tutte le donne di questo paese abbiano facoltà divinatorie. Chissà se le creature magiche di cui abbiamo narrato nel nostro articolo “Un bosco è sempre magico, se poi è di Sant’Antonio è fantastico” non provengano da questi posti fantastici, d’altronde la faggeta del Bosco di Sant’Antonio non è così distante. Anche quest’anno il piccolo centro peligno ospiterà la manifestazione ‘Borgo di Fate. Il piacere del vino in una notte incantata’ dal 9 al 10 settembre. In questi giorni il borgo sarà popolato da streghe, fate, folletti che vi guideranno e vi intratterranno tra spettacoli, musica, eventi e degustazioni enogastronomiche del territorio. Potrete godere di un efficiente servizio di bus navetta gratuito che vi accompagnerà fino al borgo dove l’ufficio informazioni vi illustrerà tutti gli eventi nel dettaglio. Intanto possiamo anticipare che sabato 9 settembre alle ore 19 ci sarà l’apertura degli stand, qui sarà possibile degustare piatti tipici e specialità del luogo. Sarete intrattenuti da artisti di strada e spettacoli teatrali. Domenica 10 settembre sarà la volta del trekking, infatti è prevista un’escursione a cura dell’Outdoor Life Festival e vari eventi musicali.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per i più piccoli sono anche previsti appositi spazi con animazioni e gonfiabili, per permettere anche ai più piccini di esprimere il loro lato fantastico e creativo. Successivamente, ci sarà la premiazione del concorso ‘Un disegno per le fate’. Questa suggestiva manifestazione nata nel 1999 ha come intento quello di riscoprire e recuperare il patrimonio culturale e misterico tipico di questo borgo che affonda le sue origini nella notte dei tempi. Un’occasione per riscoprire la nostra componente magica, o per ritrovare il bambino che è in noi. Noi di Big Mountain questa componente  fantastica la coltiviamo da sempre, perché    fanno parte del nostro patrimonio culturale e vogliamo riscoprirlo e valorizzarlo. Tanto che nella sezione Racconti intorno al fuoco potrete trovare bellissime favole e leggende adatte a tutte le età.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteInsalata di polpo e patate
Articolo successivoDue morsi: un finger food da leccarsi i baffi
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO