CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Il polpettone con funghi porcini e pancetta è un secondo piatto ricco e nutriente ideale per le cene in compagnia di amici.

I porcini nell’impasto lo rendono sfizioso e profumato, e l’aggiunta della mortadella goloso e originale. Accompagnato con dei funghi trifolati è un ottima alternativa che incontra il consenso di tutti.

Difficoltà :facile Tempo di preparazione :40′   Tempo di cottura :50′


Ingredienti per 4 persone

 porcini-trif-2
  • Macinato di bovino adulto 500 g
  • Pancetta sottile 100 g
  • Pane bianco 220 g
  • Latte 150 ml
  • Mortadella 60g
  • Porcini secchi 100 g
  • Uova 3
  • Parmigiano polpettone-1grattugiato
  • 100g
  • Scalogno 1
  • Prezzemolo 1 ciuffo
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Pangrattato
  • Noce moscata q.b.

Preparazione

Ammorbidire i funghi in una ciotola con acqua tiepida per circa 30′, strizzarli e tritarli a coltello finemente. Nel frattempo in una padella mettere a rosolare uno scalogno tritato in pezzi piccolissimi con un filo d’olio, dopo qualche minuto unire i funghi porcini tritati e lasciateli andare a fuoco medio per pochi minuti. Quando i funghi saranno cotti, fateli raffreddare e trasferiteli in una terrina capiente. Tagliare la mortadella in piccoli pezzi, lavare e tritare il prezzemolo. Strizzare e sbriciolare per bene il pane messo precedentemente nel latte, aggiungere la carne, le uova, la mortadella, il parmigiano, una spolverata di noce moscata e il prezzemolo, salare e pepare. Amalgamare bene gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo. Ungere uno stampo da plum cake con dell’olio, cospargere di pangrattato e adagiarvi il composto premendo con le mani inumidite. Coprire con le fette di pancetta nel senso della larghezza. Cuocere in forno caldo a 160° C per 30′, poi proseguire per altri 20′ a 180°. Sfornare il polpettone e sformarlo su un piatto da portata adeguato. Tagliatelo a fette e servitelo ben caldo.

 


Consigliaglianico-la-rivolta-2

Per il polpettone, Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli ci consiglia un Aglianico del Taburno della Fattoria La Rivolta. Dal colore rubino denso, l’Aglianico del Taburno al naso fa percepire profumi classici fruttati e speziati. E’ un vino caldo morbido e strutturato e i tannini sono vigorosi e compatti, ideale per accompagnare i secondi di terra.

CONDIVIDI
Articolo precedenteE’NATALE ANCHE A FIRENZE E PISA E LE EMOZIONI NON MANCANO
Articolo successivoL’ATMOSFERA DEL NATALE TRA CASERTANO E BENEVENTANO
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO