CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Il pesto di pomodori secchi alla siciliana è un condimento dal sapore mediterraneo che darà ai vostri primi piatti un gusto unico e inimitabile.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Perfetto non solo come condimento   veloce per la pasta, ma eccezionale sulle bruschette. Potrete infatti servirla su del pane casereccio tostato, sarà comunque gustoso e invitante. Otterrete un condimento molto saporito e dal gusto deciso. Il tocco in più è dato proprio dai pomodori secchi, messi a conservare a fine estate nell’olio, daranno una nota piccante e decisa al vostro piatto.  Questa salsa potrà essere conservata anche in frigo per una settimana. Dopo aver preparato il pesto, potrete riporlo in un vasetto di vetro dalla chiusura ermetica ed assicurarvi che la salsa sia ben coperta da un dito d’olio. In questo modo potrete gustarlo a lungo in tutta sicurezza e senza che il pesto perda l’intensità del suo aroma.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Difficoltà : Facile Tempo di preparazione : 10′   Tempo di cottura : 10′


Ingredienti per 4 persone

  • Pomodori secchi 200 g
  • Pecorino 50 g
  • Mandorle pelate 10 g
  • Pinoli 10 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Pomodoro fresco 1
  • Sale q. b.
  • Origano q. b.
  • Basilico q. b.

Preparazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mettete i pomodori secchi a bagno in acqua tiepida per almeno 2 ore, dopodiché scolateli e lasciate che perdano l’acqua in eccesso in uno scolapasta. Lavate il pomodoro fresco e tagliatelo a pezzetti molto piccoli con un coltello affilato, quindi metteteli da parte senza condirli per utilizzarli successivamente. Ora mettete i pomodori secchi in un frullatore insieme a mandorle, pinoli, aglio, sale, basilico e pecorino tagliato a pezzetti e mixate non troppo finemente, in modo da ottenere una salsa ruvida e corposa. A seconda della consistenza, se necessario, aggiungete un po’ d’acqua per diluire il vostro pesto. Infine, per completarlo aggiungete anche i pezzetti di pomodoro fresco e l’origano, quindi mescolate il tutto con un cucchiaio e lasciate riposare la salsa prima di servirla o utilizzarla per preparare altri piatti. Con questo accorgimento il pesto risulterà compatto e saporito ed i suoi ingredienti avranno modo di legarsi tra loro.


Consigli

pestosic vino

La mai assente Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli consiglia di gustare questo pesto con un Cerasuolo di Vittoria docg dell’azienda Gulfi. È un rosso di forte e antica tradizione che deve la sua identità al connubio tra la forza del Nero d’Avola e la gentilezza del Frappato che vanta la prima ed unica ad ora DOCG siciliana. Vinificato per breve tempo in acciaio, cosi da lasciare inalterate le naturali caratteristiche di freschezza e fragranza. Colore rosso rubino, esprime al naso sentori di anguria e fragoline di bosco con note di maggiorana e acetosella. Al palato è fresco e polposo, caratterizzato da una certa sapidità e un finale di gran pulizia. La temperatura di servizio consigliata è di 16°-18° C.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa lavorazione della pietra bianca della Majella
Articolo successivoScrucchiata abruzzese di uva montepulciano
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO