CONDIVIDI
image_pdfimage_print

L’orzo alle erbe aromatiche, oltre ad essere una ricetta gustosa, é un piatto vegetariano perfetto come portata unica.

Per chi non lo sapesse, l’orzo ha tante proprietà benefiche, per esempio favorisce la concentrazione e l’equilibrio emotivo. Per la preparazione in genere é adatto un tegame in terracotta, rende tutto più rustico, ma nel caso ne foste sprovvisti andrà bene un tegame per risotti.

Difficoltà :media Tempo di preparazione :10′   Tempo di cottura :50′


Ingredienti per 4 persone

  • Orzo perlato 250 gorzo-alle-erbe7
  • Cipolla ½
  • Timo 1 mazzetto
  • Prezzemolo 1 mazzetto
  • Rosmarino 1 mazzetto
  • Salvia qualche foglia
  • Basilico qualche foglia
  • Burro 40 g
  • Vino bianco secco ½ bicchiere
  • Brodo vegetale 1 l scarso
  • Parmigiano Reggiano 2 cucchiai

Preparazione

Per prima cosa sciacquare l’orzo e scolarlo bene, lavare le erbe aromatiche, asciugarle e tritarle. Soffriggere la cipolla, tagliata finemente, in 20 gr di burro e tostarvi metà delle erbe. Dopo un minuto aggiungere l’orzo, tostarlo per qualche minuto mescolando con un cucchiaio in legnorzo-alle-erbe5o e sfumare con il vino. Una volta sfumato il vino aggiungere il brodo (mantenuto a bollore) poco alla volta, avendo cura che non sia mai troppo asciutto e che copra sempre l’orzo, e mescolare costantemente. Cuocere per 45 minuti circa, e poco prima di spegnere il fuoco aggiungere le erbe aromatiche rimaste. L’orzo deve rimanere morbido. Mantecare con burro restante e parmigiano per qualche minuto e servire ben caldo.


Consiglimuller-t-di-elena-w

Per l’orzo Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli ci consiglia un Muller Thurgau di Elena Walch. Un bianco dal colore giallo paglierino con note di erbe aromatiche, noce moscata e accenni di albicocca. Ha un sorso fresco e strutturato e la sua versatilità lo fa ben accompagnare ai piatti leggeri

CONDIVIDI
Articolo precedenteMODA SPORT CRI CRI UNA STORIA CHE SI RINNOVA NEL TEMPO
Articolo successivoUN RENTAL CHE RENDE LA VITA FACILE
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO