CONDIVIDI
image_pdfimage_print

In Trentino oggi incontreremo mercatini di Natale poco conosciuti ma affascinanti.

Iniziamo da Pergine Valsugana, dove leggenda e realtà sono strettamente legati. Qui si narra che elfi, folletti e fate nel periodo dell’avvento scendessero dai monti per vendere i loro manufatti. Giochi, preziosi, decori e dolcezze di Natale venivano fatti in loco da artigiani sparsi per l’intero centro storico di Pergine. Tutto il paese si animava di giocolieri, canti natalizi, laboratori e rappresentazioni varie per allietare gli abitanti e i bambini in particolare. Tutto questo dopo 1202 anni si ripete con la stessa suggestione dell’epoca, e fate attenzione che potreste scorgere per le strade un elfo; mai saprete se è reale o un figurante. http://bit.ly/2gZh1YH .

Da Pergine dopo circa 80 km si arriva a Siror di Primiero dove l’atmosfera del Natale ha un’aria particolare che ti porta indietro nel tempo. Qui circa 40 espositori propongono una
mercatino-di-sirorquantità di idee rigoros
amente artigianali: decorazioni per casa e albero, presepi in legno, produzioni artigianali a telaio e in feltro, lavori in creta e in vetro. Anche le proposte culinarie saranno tipiche, come il Bredzel di Siror, lo Zelten trentino, i salumi, il miele e le confetture locali. Il tutto accompagnato da luci, canti, artisti di strada e il sorriso di Babbo Natale che accoglierà i più piccoli insieme alla mostra degli alberi di Natale. Questo accadrà in ogni week end di dicembre.  http://bit.ly/2h2o0AS .

Adesso ci attende uno dei borghi più belli d’Italia: Rango nel Bleggmercatino-a-rangoio in provincia di Trento. Qui il mercatino di Natale si svolge tra corti, cantine e portici, rendendo l’atmosfera magica. Luci, aromi, jingle e antiche note faranno da coreografia. Il 23 dicembre si organizza il Natale dei bambini, con tanto di villaggio e ufficio postale, casa delle fiabe e canti natalizi. Nelle osterie si degusteranno torte di noci, caffè d’orzo e vin brulè. http://bit.ly/2gZorLP .

Sempre in provincia di Trento ma a Vezzano, si vive un’altra esperienza suggestiva, dove il mercatino insiste nella parte alta del paese. Nella piazza si può visitare la chiesa del Soccorsomercatino-a-vezzano con ciottoli fluviali e un mosaico a tre colori. Luci e colori illuminano tutto il borgo tra bancarelle che vendono prodotti artigianali nordici. Si possono gustare zuppe, wurstel e crauti, pandolce e sidro di mele e cannella. Per i più piccoli Babbo natale delega i suoi elfi a ritirare le letterine, per cui i loro sogni sono in buone mani. http://bit.ly/2gZsQyh .

Anche l’Italia meno conosciuta riserva tesori nascosti che vale la pena scoprire

CONDIVIDI
Articolo precedenteUTILI CONSIGLI PER LA GUIDA IN MONTAGNA
Articolo successivoTAGLIOLINI GAMBERI E ZUCCHINE
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO