CONDIVIDI
Rye Toasts with Peach Jam
image_pdfimage_print

La marmellata di pesche nettarine di Romagna è un prodotto tipicamente estivo e sublime.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le pesche nettarine sono dolci ed estremamente profumate, quindi il risultato è perfetto per accompagnare merende, per preparare dolci o anche da abbinare a carni o formaggi. La preparazione è estremamente semplice, quindi mettiamoci all’opera senza indugi.

Difficoltà :Bassa Tempo di preparazione :15’+6h   Tempo di cottura :1h


Ingredienti 

  • Pesche 2 kg
  • Zucchero semolato 700 g
  • Limone 1

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione

Lavare ed asciugare le pesche accuratamente, sbucciarle, denocciolarle e tagliarle in pezzi più o meno della stessa grandezza. Spremere il limone e conservarne il succo. Versare le pesche nettarine, lo zucchero e il succo di limone in una ciotola ampia. Mescolare e lasciare riposare per almeno 6 ore in un luogo fresco ed asciutto. Successivamente cuocere in un tegame capiente a fuoco dolce per circa 30 minuti dal bollore, mescolando ogni tanto ed eliminando la schiuma che si forma. A cottura ultimata frullare il composto e riportare in pentola fino a riprendere il bollore. Sarà pronta quando resterà compatta e non colerá. Utilizzare barattoli ben sterilizzati per la conservazione. Versarvi la marmellata ben calda fino ad un centimetro dal bordo e chiudere accuratamente per favorire il sottovuoto. Lasciare raffreddare i barattoli capovolti. Conservarli per circa 3 mesi sigillati, mentre una volta aperti 3-4 giorni in frigorifero.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteMarmellata di ciliegie di Vignola
Articolo successivoCiliegie di Vignola e Nettarine di Romagna, irresistibili tentazioni italiane
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO