CONDIVIDI
image_pdfimage_print

La marmellata di mele cotogne rappresenta un perfetto accompagnamento per molti alimenti, carni (specialmente se grasse), formaggi e dolci.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo frutto originario del Medio Oriente, dal sapore acidulo e profumato, è ottimo per preparare confetture e arricchire le nostre ricette. Una volta cotte, il sapore acidulo è stemperato soprattutto dallo zucchero, perciò ne risulta una confettura ben equilibrata. Le proprietà benefiche delle mele cotogne, inoltre, incuriosiscono e allettano, quindi possiamo sentirci meno in colpa. Infatti sono frutti poco calorici e ricchi di sali minerali, vitamine e fibre. Raccomandiamo sempre una accurata sterilizzazione dei vasetti di vetro per la conservazione. Fateci sapere come la userete!

Difficoltà :Bassa Tempo di preparazione :15′   Tempo di cottura :30′

Questo slideshow richiede JavaScript.


mel ingredienti

Ingredienti

  • Mele cotogne 1 kg
  • Zucchero 600 g
  • Limoni 2

Preparazione

Lavare ed asciugare le mele accuratamente e tagliarle in cubetti di dimensioni uguali tra loro. Metterle in ammollo in acqua e un pochino di succo di limone per evitare che anneriscano mentre vengono tagliate. È arrivato il momento di cuocerle, quindi sgocciolare bene e versare in pentola insieme allo zucchero fino all’ammorbidimento totale della frutta. Cuocere a 108 gradi centigradi per circa 30 minuti mescolando spesso. Spremere i limoni, grattugiare la buccia e unire il tutto a fine cottura. Appena amalgamato bene, spegnere il fuoco e passare al passaverdura un po’ più della metà del composto. Aggiungere nuovamente nella pentola, mescolare e procedere al confezionamento. Mettere nei vasetti fintanto che la marmellata è calda per aiutare il processo di sottovuoto. Conservare fino a 3 mesi in luogo fresco e asciutto.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUno sport perfetto: andare per funghi
Articolo successivoMarmellata di pomodori verdi: dolcezza e sapore
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO