CONDIVIDI
image_pdfimage_print

La marmellata di ciliegie di Vignola, anche dette morette, è davvero speciale e gustosa.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Una preparazione molto semplice, seppur necessita di molta pazienza per denocciolare tutti i frutti, permette di avere un prodotto genuino e delizioso. Infatti questa succosa ciliegia  ha un sapore molto dolce con un retrogusto lievemente acido, perfetto per le marmellate. Basta armarsi di voglia di fare e in poco tempo si può preparare una bella scorta estiva di marmellata.

Difficoltà :Bassa Tempo di preparazione :30’+ 6h  Tempo di cottura :1h


Ingredienti

  • Ciliegie 1300 g
  • Zucchero semolato 300 g
  • Limone 1

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione

Lavare e asciugare accuratamente le ciliegie, privarle dei piccioli e tagliarle a metà per denocciolarle. Ricavare dal limone un po’ di scorza a fettine e spremere il frutto per averne il succo. Mettere le ciliegie in una ciotola con la scorza, 3 cucchiai di succo di limone e lo zucchero. Coprire con della pellicola e lasciare riposare almeno 6 ore in un luogo fresco ed asciutto.  A questo punto si può procedere alla preparazione: eliminare la scorza del limone, mettere il resto in una pentola e cuocere a fuoco dolce per circa un’ora, mescolando ogni tanto ed eliminando la schiuma che si forma. A cottura ultimata, ossia quando la marmellata è abbastanza compatta da non colare, passarne una parte nel passaverdura (o tutta se non vi piacciono i pezzi) e procedere con il confezionamento. Utilizzare sempre barattoli ben puliti e sterilizzati per la conservazione del prodotto finito. Versare nei barattoli la marmellata bollente fino ad un centimetro dal bordo, così aiuterà a creare il sottovuoto un a volta chiusi, e lasciare raffreddare capovolti. Conservare al massimo 3 mesi in un luogo fresco ed asciutto se chiusi, invece una volta aperti 3-4 giorni in frigorifero.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteTorrentismo: estremo ma non troppo
Articolo successivoMarmellata di pesche nettarine di Romagna
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO