CONDIVIDI
image_pdfimage_print

 La torta Caprese, dolce originario dell’isola di Capri, ha origine per un vero e proprio errore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Campania ha una tradizione culinaria costellata di eccellenze, ma chi ha avuto il piacere di assaggiare questa prelibatezza sa che, se si ha l’occasione, assaporare la Caprese è sempre doveroso e irrinunciabile. In questo dolce, croccante fuori e morbido dentro, c’è tutto: cioccolato, zucchero, burro, uova, frutta secca… tranne la farina. Proprio da questa mancanza nasce la ricetta! Infatti la storia racconta che nel 1920, Carmine Di Fiore, un pasticcere isolano, preparó un dessert per tre malavitosi giunti in Italia dagli Stati Uniti per comprare delle ghette per Al Capone. Probabilmente preda della comprensibile tensione, dimenticó di aggiungere la farina nell’impasto. Ecco che nacque uno dei dolci italiani più apprezzati soprattutto in America, infatti i tre malavitosi approvarono così tanto il risultato che vollero la ricetta. Inoltre, cosa non di poco conto, la mancanza della farina la rende una ricetta gluten free, adatta anche ai celiaci, sempre se preparata con le dovute accortezze igieniche adatte al caso. Non abbiamo messo liquori per renderla adatta a tutti. Perció armiamoci di pazienza, per fortuna la preparazione è semplice.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Difficoltà : Facile  Tempo di preparazione : 30′  Tempo di cottura : 45′


Ingredienti per 6 persone

  • Cioccolato fondente 250 g
  • Zucchero 200 g
  • Burro 150 g
  • Mandorle sgusciate e spellate 250 g
  • Armelline 2
  • Uova 5
  • Sale un pizzico
  • Zucchero a velo q. b.

Preparazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Spezzettare il cioccolato fondente e scioglierlo a bagnomaria. Appena sciolto, sempre a bagnomaria, aggiungere il burro a pezzetti e lasciare che si amalgami bene al cioccolato. Frullare le mandorle e le armelline con un cucchiaio di zucchero nel mixer e aggiungerlo al composto. Incorporare anche il restante zucchero. Separare i tuorli delle uova dagli albumi, aggiungendo al cioccolato un tuorlo alla volta e mescolando bene prima di aggiungere il successivo, mentre tutti i bianchi devono essere montati a neve ferma con un pizzico di sale. A questo punto aggiungere i bianchi montati a neve al composto lentamente e pazientemente per evitare che si smontino nel procedimento. Imburrare uno stampo rotondo, possibilmente con la cerniera, più comoda, e infarinarlo. Se si vuole fare un dolce totalmente gluten free ovviamente la farina va omessa, quindi utilizzare solo il burro o tuttalpiù la carta da forno. Rovesciare il composto nella teglia e cuocere in forno ventilato e preriscaldato a 170 gradi per 45’. Una volta sfornato attendere che si intiepisca per circa 15’ prima di levarlo dalla teglia. Spolverare con lo zucchero a velo e servire tiepido, magari con una piccola dose di panna montata fatta in casa.


Consigli

torcap vino

Quando il gioco si fa duro si dice che i duri iniziano a giocare e noi schieriamo la cavalleria con Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli che sfodera per la torta caprese un Anthares Irpinia Aglianico doc passito di Mastroberardino. Prodotto al 100% da uva aglianico in un vigneto di 15 anni di età. Nasce da una vendemmia tardiva a novembre con una raccolta manuale e una vinificazione con affinamento in barriques di 9 mesi e di 24 mesi in bottiglia. Le caratteristiche climatiche del vigneto scelto permettono a dicembre lo sviluppo di muffa nobile sugli acini. Questo consente la maggiore concentrazione zuccherina e uno straordinario arricchimento del quadro aromatico. Dopo 2 mesi di appassimento si ottiene un passito di straordinari concentrazione con un profilo sensoriale davvero singolare. La temperatura di servizio è di circa 15° C.

LASCIA UN COMMENTO