CONDIVIDI
Agrodolce
image_pdfimage_print

La farinata di ceci è un piatto tipico della cucina ligure, molto nutriente e genuina.

Si tratta di una focaccia sottilissima con una croccante crosticina dorata, cfarinata2he si ottiene con pochi semplici ingredienti, farina di ceci, olio e poco altro. Le sue origini risalgono alla battaglia di Meloria nel 1284 tra Genova e Pisa. Durante la tempesta, sacchi di farina di ceci e olio si rovesciarono, e i marinai si videro costretti a mangiare quella pastella mescolata all’acqua di mare e fatta asciugare al sole. Street food per eccellenza, la farinata è uno stuzzichino genuino e profumato che ristora corpo e anima.

 

Difficoltà :facile Tempo di preparazione :5′   Tempo di cottura :15′


Ingredienti per 4 personefarinata8

  • Farina di ceci 120 g
  • Acqua 360 g
  • Sale 5 g
  • Olio extra vergine di oliva 40 ml
  • Pepe nero q. b.
  • Rosmarino 1 rametto

farinata9

Preparazione

Prima di iniziare la preparazione va specificato che per preparare la farinata, occorre il “testo”, una teglia di rame stagnata all’interno. Se non avete il testo si possono usare anche teglie in ferro o alluminio, ma il risultato non sarà lo stesso. Mettete la farina di ceci col sale in un recipiente e poi aggiungete l’acqua cercando di non far formare grumi, volendo ci si pufarinata6ò aiutare con un minipimer. Lasciare riposare almeno 4 ore. Passato questo tempo, eliminare la schiuma che si forma in superficie, altrimenti la farinata diventerà nera in fase di cottura. Scaldate il forno statico a 200° C, non oltre, altrimenti lo stagno del testo fonde. Mettere la griglia
nella seconda posizione in alto, quando il forno avrà raggiunto la temperatura desiderata, posizionare il testo e lasciatelo in forno un paio di minuti per farlo scaldare. A questo punto toglietelo dal forno e ungete il testo con olio extra vergine di oliv
a. Portate il forno alla massima temperatura con la funzione grill. Intanto, rovesciate l’impasto nel testo con l’olio e pian piano con un cucchiaio di legno far defluire l’olio verso il centro dell’impasto, senza toccare troppo il testo per non eliminare lo strato d’olio. Lo spessore della farinata dovrà risultare piuttosto sottile, pari a circa mefarinata7zzo
centimetro. Infornare, con la funzione grill, per circa 15′, di cui i primi due a 300°C, poi a 275°C. Ricordatevi di scuotere spesso il testo e farlo ruotare durante la cottura. Staccate la farinata con una paletta di legno e servite con una spolverata di pepe nero e del rosmarino.


Consiglicolli-di-luni-albarola-doc_3499_zoom

Puntuale come un orologio svizzero, Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli ci consiglia, per gustare la farinata, un Colli di Luni Albarola doc. Un bianco fresco e fragrante di grande piacevolezza, partito da una delle varietà fino a poco fa dimenticate della zona. Vinificato e maturato in acciaio, per lasciare inalterate le caratteristiche naturali di fragranza. Giallo paglierino dal profumo intenso con sentori di fiori di campo, macchia mediterranea e agrumi. La marcata sapidità gli regala una bellissima persistenza al gusto.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUna foresta che suona ed è anche intonata…….parola di Stradivari
Articolo successivoLe Coppe Maritate: la tradizione marchigiana delle nonne
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO