CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Cime maestose, paesaggi incantati, laghi cristallini; il Trentino Alto Adige è il luogo ideale per trasformare in confetture i suoi frutti, autentici piaceri per il palato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La produzione delle composte di frutta e confetture ha una tradizione molto antica. Nasce dall’esigenza di conservare la frutta, raccolta in stagione, per poterla gustare in periodi in cui è difficile trovarla. La cottura e la presenza di zucchero, assicurano la lunga conservazione e le principali caratteristiche organolettiche. In questa regione la frutta utilizzata nel processo produttivo è di altissima qualità.

Vengono raccolti solo frutti maturi, coltivati a buone altitudini. Queste peculiarità, unitamente alle particolari condizioni climatiche, donano alla frutta un sapore molto più intenso. Per creare una buona armonia del prodotto occorre trovare il giusto equilibrio tra dolcezza e acidità che si ottiene aggiungendo limone, saccarosio, fruttosio o miele al preparato a seconda delle varie ricette. Grazie alla cura e alla passione con cui gli operatori seguono ogni fase della crescita delle piante da frutto, rispettando i metodi tradizionali e i ritmi della natura, si realizzano queste confetture straordinariamente genuine e prelibate. Il Trentino Alto Adige ha una spiccata tradizione mitteleuropea che si palesa in maniera lampante nella sua cultura enogastronomica.

Da queste parti l’utilizzo di confetture e composte non è prerogativa esclusiva di preparazioni dolci, ma vengono utilizzate anche per accompagnare carni, come quella di cervo con la confettura di mirtilli rossi, detta anche conserva de garnètole. Questa marmellata si prepara facendo cuocere i frutti con zucchero, cannella e chiodi di garofano. Tra le confetture tipiche del Trentino Alto Adige troviamo poi quelle realizzate con i frutti tipici dell’ambiente montano e del bosco. Per cui abbiamo confettura di mirtilli, di ribes, di castagne, ma anche di mele. Questo territorio famoso per la produzione di mele, destina una parte del raccolto per la realizzazione di marmellate.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ogni tipo di marmellata realizzata con una varietà di mela avrà il suo gusto particolare e specifico. Per quanto riguarda gli abbinamenti, le marmellate ottenute dai frutti del bosco con il loro sapore aspro e in certi casi leggermente acidulo, sono ideali per i formaggi piccanti e a pasta dura. Questi frutti pregiatissimi ed aromatici come lamponi, ribes, mirtilli, e fragoline si trovano nei boschi alpini, e vengono raccolti uno ad uno con pazienza e delicatezza per produrre deliziose confetture, ricche di spiccate qualità antiossidanti.

Tipica della zona è anche la confettura di uva spina dal gusto delicatamente aspro e acidulo ideale in abbinamento ai formaggi. Il sapore caratteristico, e l’acidità del frutto, rendono perfetta la confettura di ribes nero per l’abbinamento con formaggi dal sapore intenso e salino come il Roquefort. Da provare anche la confettura di mirtilli neri consigliata per accompagnare formaggi a pasta molle, o l’insolita confettura di sambuco ideale da gustare con il pecorino di Pienza. Insomma ce n’è per tutti i gusti…basta scegliere e provare.

CONDIVIDI
Articolo precedenteIN MONTAGNA LA NOIA RESTA A VALLE, ANZI A CASA
Articolo successivoKAISERSCHMARRN, LA FRITTATA DELL’IMPERATORE
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO