CONDIVIDI
image_pdfimage_print

I mercatini arrivano sempre più a sud tra la Campania e la Basilicata, e oggi tra Salerno, Castellabate e Matera.

Iniziamo doverosamente da Salerno, che ha fatto del periodo natalizio una delle occasioni per affacciarsi al panorama internazionale, grazie non solo ai mercatini, ma anche alla manifestazione “Luci d’Artista”. Da 11 anni illumina vicoli, piazze e giardini da metà novembre a gennaio. In ogni angolo della città luminarie eleganti e esclusive donano ai palazzi, ai giardini e alle piazze atmosfere magiche e colorate. Anno dopo anno questa manifestazione ha conquistato una rilevanza nazionale, richiamando turisti e curiosi non solo dalla Campania, ma da tutta Italia. Si scopre la zona dei Mercanti costellata di figure giganti, mentre al corso Vittorio Emanuele cascate di luce, lampadari e globi accompagnano i visitatori fino alla rotonda sul mare, dove c’è una ricostruzione da Mille e una Notte e una ruota panoramica che consente di filmare la città dall’alto. A proposito: dimenticavo che a Salerno c’è un mercatino natalizio con 130 espositori, e nelle casette si trova di tutto e di più, per non scontentare nessuno. http://bit.ly/2hdws28 .

Da Salerno a Castellabate non occorre tanto tempo, e sicuramente mercatino-a-castellabatefa piacere rivisitare i posti del film Benvenuti al sud. Infatti è proprio nella piazzetta dell’ufficio postale di Bisio e Siani che parte il mercatino di Natale locale, dove artigiani e artisti locali espongono il loro manufatti. I panorami del posto sono mozzafiato, e il cibo e le atmosfere sono quelle calde e accoglienti di tutto il sud. Ottima occasione per scoprire questo scrigno di sorprese. http://bit.ly/2hAJAv4 .

Ultimo consiglio per oggi, che sicuramente sarà apprezzato, è di fare un salto nel periodo natalizio nella famosa città dei sassi: Matera. Qui il Natale mercatino-a-materagrazie all’ubicazione e all’atmosfera che trasmettono i sassi, si sente in modo particolare, e le tante manifestazioni collaterali renderanno questa festa ancora più calda. Oltre alle bancarelle che offrono idee di artigianato e della gustosissima tradizione locale, negli ultimi giorni dell’anno si può assistere a un presepe vivente unico nel suo genere. Ambientato all’interno dei Sassi è considerato dal 2010, anno in cui è nato, il presepe vivente più grande al mondo. Un esperienza da vivere e da ripetere in famiglia e con amici.  http://bit.ly/2hj1tCf

CONDIVIDI
Articolo precedenteTORTINI DI POLENTA E GORGONZOLA
Articolo successivoRISOTTO ALL’ AGLIANICO CON RADICCHIO E SALSICCIA
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO