CONDIVIDI
Still life harvest decoration for Thanksgiving
image_pdfimage_print

Gli gnocchi di zucca allo speck rievocano i sapori dell’autunno, la stagione dei colori caldi e intensi… arriva il freddo e sentiamo il desiderio di coccolarci e riscaldarci anche con il cibo…

La zucca, autunnale per eccellenza, è un’ingrediente che si presta a numerose ricette, e oggi vi proponiamo un piatto che piace a tutti, grandi e piccini. Questo frutto (perché di un frutto si tratta), dal sapore dolce e delicato, ma allo stesso tempo gustoso, si sposa perfettamente con il gusto saporito dello speck, il salume tipico dell’Alto Adige, creando un connubio di sapori irresistibile.

Difficoltà : Media   Tempo di preparazione : 40 min  Tempo di cottura : 10 min


Ingredienti per 4 persone

Per gli gnocchignocchi-di-zucca-1
  • 300 gr di zucca
  • 350 gr di farina
  • ½ bicchiere d’acqua
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
Per il sugo
  • 120 gr di porro
  • Peperoncino (facoltativo)
  • 60 gr di burrognocchi-di-zucca-5
  • 100 gr di speck
  • 2-3 cucchiai di parmigiano

Preparazione

Per preparare gli gnocchi cuocere la zucca tagliata a fette sottili e privata della buccia, in forno statico preriscaldato a 200 gradi per 15-20 minuti (o ventilato a 180 gradi per 10-15 minuti), così da asciugarla dall’acqua in eccesso. Una volta cotta schiacciarla con una forchetta e amalgamarla alla farina setacciata.Aggiungere uova, acqua, sale e pepe. Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo (non lavorare troppo l’impasto per non indurirlo), formare un panetto e lasciare riposare per 10 minuti a temperatura ambiente sotto ad un canovaccio. Creare gli gnocchi di piccole dimensioni.

Per il sugo: far rosolare in padella il porro nel burro e aggiungere lo speck tagliato a striscioline.

Nel frattempo mettere sul fornello a bollire una pentola con abbondante acqua non troppo salata, data la sapidità del condimento. Cuocere gli gnocchi un po’ per volta, saprete quando sono cotti perché vengono a galla. Scolare gli gnocchi con una schiumarola e mantecarli con il sugo. Aggiungere il parmigiano a fuoco spento. Impiattare e servire ben caldi.

Ecco per voi una ricetta rustica e deliziosa, perfetta per una domenica in famiglia, che rievoca i sapori e i colori dell’autunno in montagna.


Consigli

Per questa squisitezza la brava Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli ci propone un Gewurztraminer della cantina Elena Walch

CONDIVIDI
Articolo precedenteLE STELLE DELLA MODA A PALAZZO CARACCIOLO A NAPOLI
Articolo successivoAREMOGNA: E’ DI SCENA TECNOLOGIA ALL’ AVANGUARDIA E DESIGN
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO