CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Il flan di zucca e porri è un antipasto semplice ed elegante realizzato con questi magnifici prodotti autunnali.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Flan è un termine mutuato dalla cucina francese, ma in Italia ha assunto un significato abbastanza diverso. In Francia infatti il flan ha una base di pasta frolla, mentre in italiano è uno sformato in genere di verdure e formaggi dalla consistenza spumosa e delicata cotto a bagnomaria. Questa delizia dal sapore dolce e raffinato si presta a numerose varianti come ad esempio l’aggiunta di pancetta croccante o ad essere accompagnata con una salsa a base di formaggio fuso. Date quindi libero sfogo alla vostra fantasia e gustate quel magnifico e versatile prodotto autunnale che è la zucca.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Difficoltà : Facile Tempo di preparazione : 90′   Tempo di cottura : 60′


Ingredienti per 4 persone

  • Zucca mantovana 1 kg
  • Porri 3
  • Uova 4
  • Farina 60 g
  • Latte intero 500 ml
  • Olio extravergine di oliva   5 cucchiai
  • Burro 50 g
  • Parmigiano reggiano 50 g
  • Sale e Pepe q. b.
  • Noce moscata q. b.

Preparazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pulite la zucca e tagliatela a dadini. Mondate poi due porri e tagliateli a rondelle sottili. Scaldate dell’olio in una pentola capiente e fate imbiondire i porri, quindi unite la zucca, salate, aggiungete un paio di mestoli di acqua calda e cuocete per circa trenta minuti, mescolando di tanto in tanto. A parte, sciogliete il burro, unite la farina setacciata ed aggiungete il latte caldo. Cuocete il tutto, fino ad ottenere una besciamella abbastanza densa. Salate, pepate e fatela raffreddare. A cottura ultimata, frullate la zucca, amalgamatevi la besciamella, le uova appena sbattute, il parmigiano e la noce moscata. Regolate di sale e pepe. Infine imburrate e infarinate uno stampo a vostra scelta meglio se di silicone ma in questo caso basta ungere lo stampo, e versatevi il composto. Sbattetelo per farlo livellare. Cuocete il flan a bagnomaria in forno già caldo a 180° C per almeno un’ora. Prima di servire, fate intiepidire, sformate su un piatto da portata e decorate la superficie con il rimanente porro, tagliato a julienne sottile e fritto per pochi istanti in padella con abbondante olio. Scolate bene le striscioline di porro e salatele appena prima di utilizzarle per completare il piatto.  Adesso servite pure.


Consigli

flazu vino

Per questo aperitivo autunnale la nostra inimitabile Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli ci consiglia un Bianco delle Regine I G T di Castello delle Regine. Prodotto con uve Chardonnay, Sauvignon, Riesling e Pinot Grigio raccolte a mano e vinificate con macerazione a freddo. Un vino dal profumo intenso di banana, tiglio ed erbe aromatiche ottenuto grazie alla posizione dei vigneti su terreni esposti ad una buona escursione termica che esalta le componenti aromatiche dell’uva. Di colore paglierino luminoso, al palato risulta fresco, sapido e di buon corpo. Un vino complesso con il giusto corpo e una buona freschezza ed aromaticità. Temperatura di servizio consigliata 10-12°C.

CONDIVIDI
Articolo precedentePolpette con salsa allo yogurt: aperitivo o secondo?
Articolo successivoL’oro rosso d’Abruzzo, lo zafferano dell’Aquila dop
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO