CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Se cercate un finger food da leccarsi i baffi, in due morsi potrete gustare queste soffici e gustose palline.

Sono realizzate con pasta brioche, arricchite con prosciutto cotto, funghi e mozzarella. Perfette per un aperitivo, i vostri ospiti   li divoreranno in un lampo, quindi vi consiglio di abbondare nelle quantità. Volendo le potrete anche farcire a piacere e farne di diversi gusti.

Difficoltà : Media Tempo di preparazione : 60′   Tempo di cottura : 20′


Questo slideshow richiede JavaScript.

Ingredienti per 48 pezzi

 per la pasta brioches
  • Farina 360 W 230 g (farina manitoba)
  • Latte intero fresco 50 g
  • Tuorli 50 g
  • Uova intere 50 g
  • Lievito madre 50 g
  • Lievito di birra 6 g
  • Latte magro in polvere 8 g
  • Malto in polvere 5 g
  • Zucchero semolato 15 g
  • Burro 50 g
  • Sale 5 g

per il ripieno

  • Prosciutto cotto 200 g
  • Mozzarella 200 g
  • Funghi champignon 300 g
  • Parmigiano Reggiano 60 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Prezzemolo q. b.
  • Olio extravergine d’oliva 60 g
  • Sale e Pepe q. b.
  • Uova intere 160 g per la finitura
  • Mandorle a scaglie per decorare
  • Olio di arachidi per friggere q. b.

 

Preparazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mettete nella planetaria munita di gancio la farina, il malto e il latte in polvere; versate il lievito madre e il lievito di birra precedentemente sciolti nel latte con lo zucchero e impastate aggiungendo un poco alla volta i tuorli e le uova. A metà lavorazione unite il sale. Alla fine incorporate il burro ammorbidito e continuate a impastare per circa 15′ a velocità media, fino a ottenere una pasta liscia ed elastica. Con le mani leggermente infarinate trasferite l’impasto su un piano di lavoro e lasciare lievitare coprendo con un telo per 15′ circa. Per il ripieno, pulite i funghi e tritateli finemente. Fateli cuocere in una padella con aglio e olio. A fine cottura, cioè quando i funghi saranno ben asciutti, insaporiteli con prezzemolo tritato, sale e pepe e lasciate raffreddare. Tagliate il prosciutto cotto e la mozzarella, miscelate i tre componenti insieme e insaporite con il Parmigiano grattugiato. A questo punto create delle palline del peso di circa 10 g.  Con la pasta brioche formate delle palline dal peso di circa 10 g l’una, disponetele una accanto all’altra sul tavolo di lavoro non infarinato; lasciatele puntate (cioè riposare) per 5′ quindi appiattite leggermente con il palmo delle mani. Disponete nel centro di ognuna una pallina di ripieno e chiudete ermeticamente all’interni della pasta brioche. Passatele nell’uovo sbattuto, poi nelle scaglie di mandorle, quindi ponetele a lievitare nel forno spento con all’interno una bacinella di acqua calda. Una volta lievitate, friggetele in olio di arachidi 150°C. Servite i bocconcini preferibilmente caldi.


Consigli

duemorsi vino

La super effervescente Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli indica come migliore bollicina per i due morsi un cuvee Solicum dell’azienda Soligo di Conegliano Valdobbiadene. Dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli risulta all’olfatto delicato e vivace. Le note di fiori di campo e di fruttato si fondono in un complesso armonico di rara finezza. Al palato si presenta con una bella e vivace cremosità che si integra bene con la sua morbidezza. Nasce da uve raccolte a media maturazione per ben conservare la componente acida. La spumantizzazione inizia a fine processo di pulizia e avviene in autoclave mentre l’imbottigliamento ha luogo a dicembre. Le uve prodotte tra Conegliano e Valdobbiadene nascono in una terra la cui costante esposizione al sole è sempre garantita insieme alla ventilazione e al clima fresco cosi da preservare la giusta acidità. La temperatura di servizio consigliata di 6°-8° C.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRoccacasale, il Borgo delle fate
Articolo successivoTartare di salmone con crema di avocado e mandorle tostate: l’estate non è finita
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO