CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Il carré di agnello con granella di pistacchi è un secondo piatto delicato e raffinato per chi ama la carne tenera, rosa e profumata.

La carne di agnello è tenerissima morbida e delicata, quasi priva di grasso per questo molto digeribile. Per questo secondo utilizzeremo un taglio Frenched Rack, cioè il carré completamente  privato delle ossa ad eccezione della costoletta pulita e senza carne intercostale.  Il trito di pistacchi ed erbe aromatiche conferiranno a questo piatto un sapore e un aspetto originale ed invitante, accompagnandole magari con una crema di patate o con delle semplici patate al forno.

Difficoltà :media Tempo di preparazione :45 min.   Tempo di cottura :20 min.


Ingredienti per 4 personeimages

  • Carrè di agnello da 1,5 kg
  • Olio extra vergine di oliva
  • Spicchio d’aglio 1
  • Sale e pepe nero q.b.
  • Pistacchi sgusciati e tritati 400 g
  • Sesamo 20 g
  • Rosmarino

Preparazione

Pulire il carré eliminando la pellicina che lo ricopre. Massaggiatelo dolcemente con sale grosso e pepe e lasciatelo riposare un quarto d’ora, poi preparate il trito di pistacchi, rosmarino, sesamo ed aglio a cui avrete aggiunto anche un pizzico di sale e del pepe.

Rosolare il carré in una casseruola con dell’olio, in modo da favorire la “reazione di Maillard”, quella reazione per cui la crosticina che si forma in padella sigilla i succhi all’interno, mantenendo la carne succulenta, infine togliere dal fuoco. Passate la parte dorata del Carrè nel composto di pistacchi, fate aderire per bene e passate in forno preriscaldato a 180° per 20’circa.

Il carré deve restare all’interno di colore rosa, ma se preferite ufase-2na cottura maggiore continuatela per altri 10′. Lasciare riposare a forno spento per qualche minuto la carne, cosicché le fibre possano tornare a rilassarsi e a rimettere in circolo tutti i preziosi umori che la cottura ha riunito solo al centro.

Procedere al taglio seguendo il verso dell’osso. Disporre 3 o 4 costolette su un piatto preriscaldato con dei contorni.


Consiglipiedirosso

Per questo secondo Lina Esposito di Vino e cioccolato di Napoli consiglia un Piedirosso campano della cantina di Salvatore Martusciello dei Campi Flegrei un rosso dal colore rubino abbastanza intenso con note fruttate, gusto caldo asciutto giustamente tannico

CONDIVIDI
Articolo precedenteTRA VENETO E FRIULI PER LA MAGIA ROMANTICA DEL NATALE
Articolo successivoMEETING 26/11/2016 OGGI E’ COSI’…………. A MONTEPRATELLO
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO