CONDIVIDI
image_pdfimage_print

Questo carpaccio di scamorza e salmone affumicato è un piatto facile e veloce da preparare.

Vi offre un’idea in più per le serate con gli amici, per salutare in modo divertente e sofisticato l’estate e perché no, per trascorrere una piacevole serata romantica. È un piatto fresco, digeribile e poco calorico, ricco di omega 3 e con un basso contenuto di colesterolo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Difficoltà : Facile Tempo di preparazione : 15′


Ingredienti per 4 persone

  • Scamorza affumicata 60 g
  • Scamorza dolce 500 g
  • Salmone affumicato a fette 120 g
  • Mela Smith 1
  • Limone 1
  • Cipollotto 1
  • Aceto balsamico 1 cucchiaio
  • Olio extravergine di oliva 4 cucchiai
  • Prezzemolo 1 ciuffo
  • Timo 1 rametto
  • Sale q. b.

Preparazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tagliate con un coltello affilato a fette sottilissime i due tipi di scamorza. Disponetele in un piatto da portata accavallandole leggermente e alternandole alle fette di salmone. Lavate la mela, e senza sbucciarla, tagliatela a spicchi e poi a cubetti. Bagnatela con il succo di limone per evitare che annerisca. Pulite il cipollotto, tagliatelo a rondelle e poi separatele per ottenere degli anelli. Lavate con cura timo e prezzemolo e tritateli. In una ciotola sciogliete poco sale e l’aceto balsamico, unite l’olio versandolo a filo ed emulsionate il tutto con una forchetta per ottenere una vinagrette. Disponete sul carpaccio gli anelli di cipollotto, i cubetti di mela e il trito di erbe aromatiche. Infine irrorate il tutto con la vinagrette e buon appetito.


Consigli

carscam vino

Non si fa attendere l’indicazione dell’indispensabile Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli che consiglia di gustare questo carpaccio con un riesling dell’azienda Kofererhof della Valle Isarco. Il riesling è il vino migliore di quest’azienda e il segreto di quest’eccellenza sta nella vendemmia. La metà delle uve sono raccolte secondo la stagione in corso e l’altra metà a raccolta tardiva dopo circa 2/3 settimane. Si ottiene così un vino complesso e strutturato. Dopo una vinificazione separata in acciaio i vini delle due vendemmie vengono uniti e riposano per sei mesi sempre in acciaio. Il risultato è un vino dall’eleganza straordinaria, persistente e di carattere. Imperdibile per gli estimatori del Riesling fruttato. La temperatura di servizio consigliata è di 8°-10° C.

CONDIVIDI
Articolo precedenteScrucchiata abruzzese di uva montepulciano
Articolo successivoTorta salata fichi, caprino e nocciole per un dolce e saporito fine settembre
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO