CONDIVIDI
image_pdfimage_print

L’agnello mollicato alla lucana è una ricetta sfiziosa e gustosa e rappresenta il vero sapore contadino.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo piatto tradizionale della Basilicata abbina il sapore caratteristico dell’agnello a quello intenso del pecorino lucano, accompagnato da ortaggi poveri e condimenti alla portata di tutti. La cucina lucana, si basa su pochi e semplici ingredienti ricchi di sapore, tutti legati al suo territorio, tanto bello quanto poco conosciuto. Nonostante sia un pasto semplice e dalla preparazione estremamente facile, seppur lunga, racchiude un’eleganza e un sapore adatto a qualsiasi evento, familiare o formale che sia.

Difficoltà : Facile Tempo di preparazione : 40′  Tempo di cottura : 60′


Ingredienti per 4 persone

  • Agnello petto o spalla 1,5 kg
  • Patate 700 g
  • Pomodorini 350 g
  • Mollica di pane 200 g
  • Pecorino lucano grattugiato 100 g
  • Cipolline 250 g
  • Aglio 2 spicchi
  • Prezzemolo tritato q. b.
  • Olio extravergine di oliva q. b.
  • Sale q. b.
  • Pepe q. b.

Preparazione

Questo slideshow richiede JavaScript.

In una ciotola, mescolare i pomodorini a pezzi, l’aglio tritato, il pecorino grattugiato, il prezzemolo e la mollica di pane sbriciolata e condire con un pizzico di sale. Lavare ed asciugare bene la carne di agnello e disporla in pezzi in una teglia da forno oliata con le patate e le cipolline tagliate, salare e pepare. Aggiungere il composto della ciotola sull’agnello facendo uno strato bello corposo e condire con olio. Cuocere in forno preriscaldato a 200/220° C per circa un’ora. Servire ben caldo in un piatto da portata.


Consigli

agnello-mollicato-bigmountain-montagna-vino

Per questa specialità lucana, la multitasking Lina Esposito di Vino e Cioccolato di Napoli  ci consiglia un Aglianico del Vulture Carato Venusio della Cantina di Venosa. Prodotto con uve Aglianico al 100% raccolte a mano verso fine ottobre da vigneti allevati a spalliera. Un vino dal colore rosso rubino intenso, con calde note di frutta rossa, ribes e sensazioni floreali di viola. Il gusto pieno e intenso, con tannini ben presenti. Un vino dal sapore asciutto, sapido, fresco ed armonioso che tende al vellutato con l’invecchiamento. Affinato 15 mesi in barriques di rovere francese e poi 6 mesi in bottiglia. Questo vino migliora se lasciato qualche anno in cantina. Temperatura di servizio consigliato 15-17°C.

LASCIA UN COMMENTO