CONDIVIDI
image_pdfimage_print

La cicerchiata è un classico esempio di dolce divertente, oltre che godurioso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Non solo per le colorate decorazioni e per la frutta candita ricoperta di miele, ma anche perché nella sua realizzazione si può coinvolgere tutta la famiglia, anche i più piccini. A Carnevale tutto è consentito anche in cucina, infatti i dolci tradizionali di questo periodo sono stracolmi di zucchero, frittura, creme e praline colorate. Tutto all’insegna dell’abbondanza e del gusto, quasi a voler immagazzinare scorte energetiche prima della Quaresima. Questo dolce di origine medioevale prende il nome dalla cicerchia, il legume coltivato soprattutto in alcune regioni dell’Italia centrale, avendo il dolce un aspetto simile ad un mucchio di cierchie.

Difficoltà :Media  Tempo di preparazione :30′   Tempo di cottura :40′


Ingredienti per 4 persone

  • Farina 00 400 g
  • Limone non trattato 1
  • Olio extravergine di oliva 30 g
  • Miele 500g
  • Mandorle sgusciate 120 g
  • Uova 3
  • Vino bianco secco 100 ml
  • Zucchero 40 g
  • Frutta candita mista 80 g
  • Olio di mais q.b.

Preparazione

Versate la farina a fontana sulla spianatoia. Create un incavo al centro e versateci le uova. Aggiungete il vino bianco, 100 ml di olio extravergine di oliva, la scorza grattugiata di 1/2 limone e lo zucchero. Iniziate ad amalgamare gli ingredienti con la forchetta; quindi lavorate con le mani, in modo da ottenere un composto morbido e liscio. Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare per 30′. Dividete il composto in 5-6 parti. Rotolate una parte per volta sulla spianatoia infarinata, in modo da ottenere un lungo cordoncino di 1 cm di spessore e tagliatelo a tocchetti di circa 1,5 cm di lunghezza. Passate ciascun tocchetto fra le mani per ottenere tante palline. Scaldate abbondante olio in una padella a bordi alti e friggete poche palline per volta, in modo che risultino ben dorate. Sgocciolate man mano su vassoi foderati con carta assorbente e fatele raffreddare. Spezzettate grossolanamente le mandorle e tagliate a dadini la frutta candita, lasciando intere le ciliegie. Trasferite il miele in una casseruola, aggiungete 2 cucchiai di acqua e scaldatelo a fuoco basso, in modo che risulti ben fluido. Unite le palline fritte preparate, i canditi e le mandorle e proseguite la cottura per 5-6 minuti, mescolando con delicatezza, in modo che le palline assorbano buona parte del miele. Trasferite il tutto nello stampo a ciambella unto con olio extravergine, compattate leggermente e lasciate raffreddare. Sformate la cicerchiata in un piatto e servite.


Consigli

Per questo dolce di Carnevale Lina Esposito di Vino e Cicicerchiata vinooccolato di Napoli ci consiglia un Moscato d’Asti  d.o.c.g. Vigna Senza Nome dell’azienda Braida. Un vino dal colore giallo paglierino brillante, dotato di bella schiuma e un perlage ricco. Grazie al suo profumo di straordinaria freschezza, le note di fiori d’ arancio e frutta fresca ben si armonizzano con la dolcezza del miele. Sapore dolce ma mai eccessivo, delizioso e con lunga persistenza.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSCUOLA DI SCI MONTEPRATELLO RIVISONDOLI: UN TUFFO NEI RICORDI
Articolo successivoLE CASTAGNOLE: DALL’EMILIA ROMAGNA CON ALLEGRIA
Maurizio Bartoli napoletano del 1957, frequenta le montagne abruzzesi dalla nascita. Risiede a Rivisondoli in provincia di L’Aquila, e grazie alla passione ereditata dai genitori ha mosso i primi passi sugli sci a 5 anni, potendo quindi praticare questo sport in diverse località Alpine dalla Val d’Aosta a Livigno con una particolare attenzione per l’Alto Adige, avendo sciato per molti anni tra la Val Badia e altre stazioni Alto Atesine. Grazie a 30 anni di attività di agente di commercio per primarie aziende del settore sportivo, ha acquisito una profonda conoscenza delle attrezzature. Altra cosa è la passione per il territorio abruzzese che sente di adozione, e che frequenta in tutte le stagioni, apprezzandone le peculiarità sotto tutti gli aspetti: sportivi, paesaggistici, culinari e sociali. Grazie alla collaborazione con Tribù Ecosport come redattore della rubrica Piramide Bianca, si è avvicinato all’informazione prettamente dedicata alla neve, e proprio per questa bellissima e gratificante esperienza ha deciso di affrontare il tema della montagna a 360° con Big Mountain.

LASCIA UN COMMENTO